Notizie dal mondo

I diritti dei lavoratori ai tempi del Jobs Act

Giovedì, 15 Dicembre 2016 00:00

 

Walter De Candiziis, Segretario Confederale CISAL e Segretario Generale FAILP CISAL, in occasione della tre giorni di formazione in corso a Salerno per i quadri sindacali dell'organizzazione, denuncia i danni del Jobs Act al mondo del lavoro. Francesco Cavallaro: "La CISAL chiede l'intervento urgente del Governo su Occupazione, Scuola, Previdenza e Pubblico Impiego".

  

 

 

Pubblicato in Comunicati stampa

E’ un bilancio nettamente positivo, quello emerso dal confronto tra le figure più rappresentative della CISAL a livello regionale, riunitesi mercoledì 19 ottobre a Pescara per la Conferenza delle strutture dell’organizzazione sindacale in Abruzzo. 

Pubblicato in Notizie territorio

 

L’Eni si impegna con i sindacati a investire su Chimica di base e Chimica verde, rinviando a ottobre la definizione del piano industriale 2017-2020.

 

Roma, 15 settembre 2016 – “L’ENI, complice l’utile positivo conseguito dalla partecipata Versalis nel primo semestre 2016, ha finalmente riconosciuto il valore strategico della Chimica italiana e ha rassicurato la FIALC CISAL in merito al piano industriale 2017-2020”. 

Pubblicato in Comunicati stampa

 

L’APE è inaccettabile, mortifica il valore dei contributi e viola la Costituzione. Unica soluzione al problema Pensioni, una riforma organica e condivisa che cancelli gli errori della Fornero.

 

Roma, 14 settembre 2016 – “Le condizioni proposte dal Governo per accedere alla pensione anticipata sono a dir poco inaccettabili. Disquisire sull’entità della penalizzazione o sull’ampiezza del bacino di applicabilità dell’APE è un esercizio sterile e fuorviante, se si considera che il problema sta a monte ed è costituito dalla iniquità insita nella soluzione suggerita. 

Pubblicato in Comunicati stampa

Roma, 1 settembre 2016La CISAL, con l’obiettivo di esprimere la massima solidarietà e vicinanza alle popolazioni colpite dal sisma del 24 agosto scorso, ha deciso di avviare una raccolta fondi aprendo un conto corrente bancario dedicato in esclusiva a tale scopo. 

Pubblicato in Comunicati stampa

 
La CISAL, soddisfatta per il permanere del polo chimico nel Gruppo petrolifero italiano, ritiene ora decisivo l’intervento del Governo per l’attuazione di una politica industriale a sostegno del settore.

Roma, 22 giugno 2016 – “Come già sottolineato dalla CISAL a tempo debito, il potenziale acquirente non offriva alcuna garanzia sul futuro industriale e lavorativo di un settore strategico come quello chimico. Per questo motivo, l’interruzione delle trattative tra Eni e Sk Capital segna un punto importante a favore dei Lavoratori e della Chimica italiana”.

Pubblicato in Comunicati stampa

L’approccio errato del Governo ai problemi previdenziali, nelle proposte più recenti sulla flessibilità, carica i pensionati di una doppia penalizzazione. Addirittura tripla per quelli già vittime del calcolo contributivo.

 

Roma, 9 giugno 2016 – “L’ipotesi prospettata dal Governo - se vuoi accedere anticipatamente alla pensione, devi pagare - non presenta solo caratteristiche di indebitamento forzoso, ma sembra assumere anche una vaga connotazione di ricatto”. E’ quanto afferma Francesco Cavallaro, Segretario Generale CISAL, in merito alla proposta di flessibilità in uscita in deroga alle norme della legge Monti/Fornero oggi in discussione.   

Pubblicato in Comunicati stampa

Un errore la dismissione, da parte dello Stato, della controllata Versalis. Se Eni vuole abbandonare la Chimica, spetta al Governo garantire direttamente, magari attraverso la Cassa Depositi e Prestiti, investimenti, bonifiche e diritti dei lavoratori.

Roma, 27 aprile 2016 - "Lo Stato deve assumersi la responsabilità politica delle gravi conseguenze legate all'eventuale cessione di Versalis a Sk Capital. Se la trattativa con Eni andasse a buon fine, si aprirebbero scenari preoccupanti sul fronte del mantenimento del piano industriale già redatto, delle bonifiche dei siti inquinati e del futuro dei lavoratori dell'Azienda e dell'indotto". 

Pubblicato in Comunicati stampa

Alla riduzione del numero dei comparti non è seguito l’auspicato rinnovo dei contratti. Inutile e tardiva, in tal senso, la levata di scudi di CGIL, CISL e UIL, funzionali al Governo nella riconfigurazione della PA.

Roma, 13 aprile 2016 – “Le organizzazioni sindacali non autonome, che il 5 aprile scorso hanno sottoscritto la riduzione dei comparti del Pubblico Impiego da 11 a 4, si sono rese complici di un nuovo tentativo del Governo di eliminare ogni forma di confronto e di dissenso espressi dalle parti sociali. Ed è proprio la tutela dei diritti dei lavoratori a essere sacrificata sull’altare del presunto snellimento della PA, non condiviso dalla CISAL per le modalità gravemente antidemocratiche della procedura proposta 

Pubblicato in Comunicati stampa

L’incidenza sul PIL della spesa previdenziale effettiva, se correttamente riportata, risulta inferiore rispetto a quanto finora calcolato. Dalla riforma Dini alle attuali proposte in tema di pensione anticipata, le soluzioni in materia indicate finora sono viziate da valutazioni scorrette.

Roma, 31 marzo 2016 – “Penalizzare le pensioni anticipate (Damiano, Boeri e le stesse CGIL, CISL e UIL) rappresenterebbe una vera contraddizione in termini, che di fatto confermerebbe gli effetti perversi della legge Fornero, che solo a parole si afferma di voler superare. Basti pensare alla maggior parte dei lavoratori, cui si applica il sistema misto retributivo/contributivo: al danno già derivante dal calcolo contributivo, si aggiungerebbe la beffa della paventata penalizzazione fino all’8/9%”.

Pubblicato in Comunicati stampa
Pagina 1 di 5

Cerca