Notizie dal mondo

Roma, 18 novembre 2014 – “Siamo riuniti qui in piazza Montecitorio per esprimere il nostro dissenso nei confronti della legge Finanziaria attraverso un sit in con i dirigenti sindacali e gli iscritti.” E’ quanto ha dichiarato Francesco Cavallaro, Segretario Generale della CISAL, in occasione della manifestazione nazionale indetta ieri dalla Confederazione per protestare, a neppure 24 ore dall’ennesima doccia gelata sul fronte del pubblico impiego, contro la politica del Governo. “Della manovra in generale – ha precisato Cavallaro – non condivido più di un aspetto.

Pubblicato in Notizie home

Roma, 17 novembre 2014 –  La CISAL scende in piazza, domani alle 15, davanti a Palazzo Montecitorio, per la manifestazione nazionale indetta contro l’attuale politica economica e sociale del Governo. “Non possiamo più permetterci di perdere tempo.

Pubblicato in Comunicati stampa

Roma, 11 novembre 2014 –  “Non possiamo più permetterci di perdere tempo. Questo Governo, come i precedenti, ha fallito ogni obiettivo di politica economica e sociale, adottando misure del tutto inefficaci dal punto di vista pratico e trascurando riforme prioritarie per il Paese”. E’ l’amaro bilancio espresso dal Segretario Generale della CISAL, Francesco Cavallaro, a 9 mesi dall’insediamento del Governo Renzi.

Pubblicato in Comunicati stampa

Roma, 4 novembre 2014 – Per lanciare un ultimo, disperato appello al Governo contro il blocco ventennale degli stipendi e delle carriere e per la configurazione del nuovo ordinamento professionale, sono scesi in piazza, davanti a Palazzo Montecitorio, i Comitati dei lavoratori della Giustizia di tutta Italia, affiancati dalla CISAL FCP e sostenuti dall’Associazione Nazionale Magistrati, rappresentata da Giacomo Ebner dell’ANM Lazio.

Pubblicato in Comunicati stampa

Torino, 18 ottobre 2014 - "Basta manovre lacrime e sangue, il cui unico effetto è l'impoverimento di lavoratori e imprese. È ora di ragionare in termini innovativi, superando storiche contrapposizioni che sono ormai puramente ideologiche. In questo modo, il Governo smetterà di leggere, nel confronto con le organizzazioni sindacali, possibili limiti all'agibilità politica. Solo la discontinuità rispetto all'approccio tradizionale può restituire al sindacato un ruolo socialmente utile, che dia un contributo costruttivo all'azione politica del Governo. Le riforme presentate da Renzi, dal jobs act al TFR, dagli 80 euro in busta paga al taglio dell'IRAP, sono a nostro avviso insufficienti per risolvere il problema dell'imponente costo del lavoro e della disoccupazione.

Pubblicato in Comunicati stampa

Roma, 16 ottobre 2014 – "Trovare soluzioni condivise alle problematiche del lavoro e approfondire temi come ammortizzatori sociali e formazione sono i temi del convegno CISAL “Il lavoro al tempo della crisi”, che si terrà sabato 18 ottobre alle ore 16 presso l’Hotel Atlantic di Via Lanzo 163, a Borgaro Torinese."

Pubblicato in Comunicati stampa

 

Roma, 22 settembre 2014 - "La crisi che sta colpendo il Paese in modo così severo dovrebbe richiamare  a un senso di responsabilità, praticato e non predicato, che dovrebbe distinguere l'azione di un qualsiasi Esecutivo. Siamo ancora in attesa di provvedimenti concreti del Governo per rilanciare i consumi e far ripartire l'economia ed invece ci si diletta a rimestare ancora l'articolo 18".

Pubblicato in Comunicati stampa

Roma, 17 settembre 2014 – “Ancora una volta solo annunci di interventi destinati a ridurre la pressione fiscale sul Lavoro. Annunci purtroppo inutili per fare ripartire consumi interni, lavoro e occupazione”.

Pubblicato in Comunicati stampa

CISAL boccia la Riforma della Giustizia

Giovedì, 11 Settembre 2014 00:00

Roma, 12 settembre 2014 – “Priva della rideterminazione dell’ordinamento professionale dei Lavoratori della Giustizia, lariforma della Giustizia civile appena varata è destinata a fallire” ha dichiarato Paola Saraceni, Segretario Generale CISAL FPC, Dipartimento Ministeri, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Sicurezza ”. 

Pubblicato in Comunicati stampa

Roma, 6 agosto 2014 - "Il dato negativo sul Pil, appena diramato dall'Istat, e' il peggiore degli ultimi 14 anni e ne attesta la recessione tecnica. Le continue rilevazioni negative sulla stabilita' dei conti del nostro paese e la mancanza di coperture, svelata in questi giorni, confermano pertanto l'urgenza di mettere al primo posto, nelle priorità' del Governo, quei temi che portino, sin da subito, benefici diretti ed aiuti ai lavoratori italiani, sviluppo e crescita, anziche' investire tutto il proprio tempo su Senato e legge elettorale."

Pubblicato in Comunicati stampa
Pagina 1 di 10

Cerca