Notizie dal mondo

(Italia Oggi, 27 febbraio 2018)

A meno di una settimana dalle elezioni, nel pieno della campagna elettorale, i programmi dei vari partiti si rincorrono rilanciando proposte e suggestioni con riflessi importanti sul mondo del lavoro. Approfondiamo con il Segretario Generale della CISAL, Francesco Cavallaro, le aspettative che la storica organizzazione autonoma, presente nel CNEL, nutre nei confronti del prossimo Governo.

Pubblicato in Notizie home

Inaccettabili calcolo contributivo e speranza di vita. I contributi dei lavoratori sufficienti per pagare le pensioni, il vero “buco” è la spesa sociale

c

 

Pubblicato in Comunicati stampa

Necessario cambio di rotta, la CISAL non si accontenta di eccezioni a norme non eque

Pubblicato in Comunicati stampa

Roma, 13 ottobre 2017 - Spiegare il funzionamento del sistema pensionistico, denunciare le ragioni della crisi dell’INPS e proporre soluzioni correttive sono gli obiettivi di www.fakeinps.it, il nuovo blog creato dal Prof. Lucio Casalino, Consigliere nazionale della Confederazione, ex dirigente INPS e professore a contratto presso l’Università Federico II di Napoli. 

 

Pubblicato in Comunicati stampa

La CISAL ha recentemente affermato, in occasione di un’audizione presso la Commissione Lavoro della Camera dei Deputati, di non essere pregiudizialmente contraria all’istituzione di una retribuzione minima garantita per i lavoratori non tutelati dai contratti collettivi. Il Segretario Generale CISAL, Francesco Cavallaro, spiega le ragioni di una scelta che trova fondamento nel rispetto per la Costituzione e in una concezione evolutiva del ruolo sindacale e che ha evidenti ripercussioni sulla gestione dell’ambito previdenziale.

Pubblicato in Comunicati stampa

Con la quota 100, finalmente un’ipotesi ragionevole di pensionamento che non penalizza ulteriormente gli italiani 

 

Pubblicato in Comunicati stampa

 

Previsti interventi tampone, di vago sapore elettoralistico, che non restituiscono ai Lavoratori la necessaria fiducia in un sistema che invece deve essere rivisto alla radice.

 

Roma, 30 settembre 2016 – “Il fatto che si tratti di un verbale e non di un protocollo è già di per sé significativo. In pratica, un lungo elenco di se, di ma, di forse, di verifiche da fare, conti da aggiustare, figure professionali da definire. Come dire: le certezze possono attendere!”

Pubblicato in Notizie home
Pagina 1 di 2

Cerca