Notizie dal mondo

Enasarco: maggiori poteri alla Commissione parlamentare

  • dimensione font riduci dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font aumenta la dimensione del font
  • Stampa
  • Email
  • Ottieni il PDF dalla pagina webPDF

Roma, 18 novembre 2014 – È di conferire maggiori poteri alla Commissione parlamentare su Enasarco, la richiesta di Federagenti-CISAL, Anasf e Fiaip, membri costituenti del comitato “Enasarco no grazie”, alla luce della recente audizione che si è tenuta lo scorso 13 novembre presso la commissione parlamentare “Enti gestori” della Fondazione.

Secondo le tre associazioni, “la mancata partecipazione del presidente Enasarco, Brunetto Boco, all’audizione fissata da tempo  presso la commissione parlamentare, non ha reso possibile conoscere la risposta ad alcune domande spinose, come quella sulle “avventure della Fondazione alle Isole Mauritius” (Sen. Puglia, M5S), o sulla situazione “eticamente poco corretta dei Silenti” (Sen. Favero, PD), o ancora sulla cooptazione al versamento contributivo degli intermediari immobiliari (On. Galati, FI). Federagenti-CISAL, Anasf e Fiaip ritengono però ancora più clamorosa la mancata consegna dei documenti inerenti la gestione mobiliare e immobiliare richiesti da tempo alla Fondazione. Documenti che, come rilevato dai commissari, sarebbero stati molto utili per comprendere il reale stato della Cassa. Per questo motivo, il comitato “Enasarco no grazie” auspica l’approvazione dell’emendamento alla Legge di Stabilità - recentemente presentato dall’On. Di Gioia, presidente della Commissione -,  che prevede l’estensione delle funzioni di controllo della stessa sull'attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale quali Enasarco”.

Ufficio Stampa CISAL: Tel. 06 3211627


Cerca