Notizie dal mondo

Con la quota 100, finalmente un’ipotesi ragionevole di pensionamento che non penalizza ulteriormente gli italiani 

A fronte delle recenti proposte in materia previdenziale, il Segretario Generale della Cisal, Francesco Cavallaro, spiega perché solo proposte di pensionamento senza penalizzazioni possono fermare la spirale di povertà e sfiducia che colpisce soprattutto le fasce più deboli del Paese.

D: Segretario, l’anno prossimo i cittadini italiani si recheranno alle urne per le elezioni politiche. Quali provvedimenti prevede saranno assunti da Governo e Parlamento in questo lasso di tempo?

R: Di certo non mi aspetto miracoli. Mi basterebbe che con coraggio e senso di responsabilità si prendesse atto che i problemi più gravi del Paese, a livello socio economico, di occupazione e di welfare, non sono stati neanche sfiorati dall’azione politica. E si cominciasse ad affrontarli seriamente.

D: Pensa dunque finora si sia perso tempo prezioso?

R: La risposta sta nella situazione in cui versano i cittadini e in particolare i giovani, sempre che non si voglia affermare che le condizioni e le aspettative di lavoratori e pensionati siano cambiate in meglio negli ultimi anni. Livelli di disoccupazione giovanile che si attestano intorno al 40% non mi sembra rappresentino un indice di successo nella lotta alla disoccupazione.

Pubblicato in Notizie home

Cerca