Notizie dal mondo

(Italia Oggi, 28 dicembre 2017)

“Scaricare tutto, scaricare tutti”. E’ lo slogan con cui Matteo Renzi, candidato premier e Segretario del PD, ha connotato, in una recente intervista, la politica fiscale del proprio partito in vista delle prossime elezioni. Uno slogan che prevede l’avvio e l’implementazione del “contrasto d’interessi”, corredato da una tregua fiscale di tre anni per i piccoli imprenditori e facilitato, per l’attuazione concreta, dall’implementazione della dichiarazione dei redditi precompilata e della fattura elettronica.  

Pubblicato in Comunicati stampa

Roma, 3 agosto 2015 – “Il Mezzogiorno d'Italia, come conferma il rapporto Svimez, è a rischio sottosviluppo permanente. Il tasso di disoccupazione, registra l'Istat, è ai massimi storici, con punte drammatiche di oltre il 44% per i giovani tra i 15 e i 24 anni.

Pubblicato in Comunicati stampa

Roma, 21 luglio 2015 - Il Premier si ripete. Questa volta annunciando addirittura una rivoluzione copernicana con 50 miliardi di tasse in meno in 5 anni. Dimentica tuttavia di dire che durante quei 5 anni i contribuenti onesti (lavoratori dipendenti e pensionati In particolare) continueranno a pagare anche per quelli disonesti che invece continueranno sistematicamente ad evadere qualcosa come 180 miliardi l’anno!  

Pubblicato in Comunicati stampa

Roma, 13 maggio 2015 – La CISAL FPC SCUOLA esprime forti preoccupazioni dopo l'esito dell'incontro del Governo con le organizzazioni sindacali sulla Riforma della Scuola.

Pubblicato in Comunicati stampa

Rimini, 12 maggio 2015 - Con la relazione del Segretario Generale Francesco Cavallaro, si sono aperti oggi a Rimini, al Palacongressi, i lavori del IX Congresso della CISAL, la Confederazione Italiana Sindacati Autonomi Lavoratori.

Pubblicato in Comunicati stampa

Il Governo Renzi discrimina la CISAL

Lunedì, 06 Ottobre 2014 22:00

 Roma, 07 ottobre 2014 – "Escludendo la CISAL dal confronto di questa mattina tra il Governo e i vertici sindacali, il Governo Renzi ha attuato una grave forma di discriminazione nei confronti della Confederazione storica dell’autonomia sindacale, presente nel mondo del lavoro dal 1957."

Pubblicato in Comunicati stampa

Roma, 26 giugno 2014 - “Si susseguono le riforme della pubblica amministrazione. L’ultima, Il Ministro Madia, l’ha definita “una riforma per una PA più moderna e giusta”.  Chi non  vorrebbe una pubblica amministrazione così, più efficiente, sempre in grado di assicurare servizi tempestivi e adeguati ai cittadini e alle imprese? Domanda retorica, ma legittima. Come legittimo è chiedersi il perché finora non si sia riusciti a realizzarla. Il Governo ha individuato le cause delle tante riforme fallite? Non ci sono risposte, né al Sindacato, né ai cittadini."

Pubblicato in Comunicati stampa

Cerca