Notizie dal mondo

Si è svolta oggi la prevista riunione tra l’Aran e le Confederazioni sindacali rappresentative nel Pubblico Impiego.

Punto centrale della discussione è stato un primo esame di tematiche che costituiscono problematicità trasversali a tutti i comparti della Pubblica Amministrazione. Tra queste, una di particolare rilievo è l’esplodere della contraddizione degli effetti del cosiddetto “bonus” di 80 euro e gli incrementi derivanti dal prossimo - speriamo - rinnovo contrattuale. Infatti per alcune fasce di retribuzione gli effetti del rinnovo contrattuale potrebbero essere assorbiti dalla corrispondente perdita di quote del bonus, con conseguente “stasi” delle retribuzioni di fatto dei dipendenti interessati.

Pubblicato in Notizie home

Roma, 10 aprile 2014 - “Non essendo previsti nel DEF stanziamenti per i rinnovi contrattuali, è evidente il rischio che i dipendenti pubblici rimangano sino al 2020 senza alcun incremento delle buste paga. E non poco stupiscono, a tal proposito, le prese di posizione di chi, sul fronte sindacale, si dichiara interessato alla possibilità di aprire una stagione di rinnovi contrattuali che riguardino esclusivamente gli aspetti normativi e non quelli economici. Di certo i lavoratori hanno altre aspettative!".

Pubblicato in Comunicati stampa

Roma, 19 marzo 2014 - “Così come è avvenuto con i governi precedenti e come prevedibile, si profila un’ulteriore ondata di tagli di organico del pubblico impiego, il blocco delle assunzioni ed un ulteriore intervento sulle pensioni."

Pubblicato in Comunicati stampa

Roma, 27 settembre 2013 - “La Cisal richiama l’attenzione del Governo e della politica sul provvedimento approvato nei giorni scorsi in Senato: un atto che potrebbe mettere a rischio il settore occupazionale di oltre 2000 posti della Società Italiana Autori Editori e che, pur non "liberalizzando", per il momento, la musica dal vivo con riferimento al riconoscimento e al pagamento del diritto d’autore, prevede una possibile riduzione di quote nell’organizzare le relative manifestazioni con meno di 200 spettatori". 

Pubblicato in Comunicati stampa

Roma, 28 agosto 2013 - "E la montagna partorì il topolino! Decisamente risibili i tagli alle spese per le consulenze e per le auto blu predisposti dal Governo Letta, su proposta del Ministro per la funzione pubblica, con il recente provvedimento per la “razionalizzazione” nelle pubbliche amministrazioni".

Pubblicato in Comunicati stampa

Roma, 15 febbraio 2013 - “A seguito delle mutate esigenze delle amministrazioni, si sono rese necessarie  modifiche agli assetti organizzativi del pubblico impiego e dei ministeriali al fine dell’adeguamento degli inquadramenti, della professionalità e della formazione dei dipendenti".

Pubblicato in Comunicati stampa

Roma, 12 ottobre 2012 - “Dire che questo Governo abbia dichiarato  una vera e propria guerra al pubblico impiego è dir poco. La riduzione di pubblici dipendenti è decisa, permane il blocco dei contratti, e  per farsi un ultimo sconto il Governo blocca l’ indennità di vacanza contrattuale – istituto previsto da un preciso accordo che ora viene unilateralmente soppresso-  ed interviene persino sulla legge 104."

Pubblicato in Comunicati stampa

Roma, 27 settembre 2012 - La Fialp-Cisal ha dichiarato di voler proseguire ad oltranza l’incontro odierno con il Ministro della Salute.

Pubblicato in Comunicati stampa

Roma 4 settembre 2012 - “La Cisal ha espresso profonda delusione al Ministro Patroni Griffi rispetto all’incontro tenutosi questa mattina per stabilire le modalità di attuazione delle misure previste dal decreto sulla spending review che, come è ormai ben noto, penalizzano fortemente i dipendenti pubblici”. 

Pubblicato in Comunicati stampa

Roma, 9 agosto 2012 - “Era lecito aspettarsi che la spending review fosse un provvedimento finalizzato ad individuare ed eliminare sprechi, spese improduttive, privilegi impropri e a rimodellare il sistema in termini di efficienza, modernità e correttezza nella gestione della cosa pubblica.
Così non è stato. Si è preferito esclusivamente fare di conto,  perseguendo peraltro la via più politicamente corretta, mantenendo i privilegi e mandando a casa i dipendenti".

Pubblicato in Comunicati stampa
Pagina 1 di 2

Cerca