Notizie dal mondo

Roma, 9 novembre 2018 – Mauro Mongelli, barese, classe 1965, una lunga militanza che ha toccato tutti i livelli dell’organizzazione sindacale, è da ieri il nuovo Segretario Generale della FAISA-CISAL. Eletto all’unanimità e per acclamazione dal XIII Congresso Nazionale della Federazione autonoma degli autoferrotranvieri, Mongelli ha ricevuto il testimone da Andrea Gatto, giunto al termine del secondo mandato, in una staffetta vincente che persegue risultati sempre più importanti per l’Organizzazione in termini quantitativi e qualitativi.

Forte di un ruolo da protagonista nel comparto Trasporti, la FAISA-CISAL riunita a Salerno conferma il proprio impegno per la soluzione delle problematiche di TPL e Mobilità

Roma, 6 novembre 2018 – Si aprirà domani a Salerno, con lo slogan “Esserci e Migliorare. I Lavoratori prima di tutto”, il XIII Congresso nazionale della FAISA-CISAL, la Federazione autonoma degli autoferrotranvieri CISAL. Alla suprema assise, che si concluderà giovedì 8 novembre, prenderanno parte oltre 500 persone, tra i delegati sindacali designati dalle province di tutt’Italia, i componenti del Consiglio nazionale, i Segretari regionali e provinciali, la Segreteria confederale CISAL, guidata dal Segretario Generale Francesco Cavallaro, e altri invitati. In particolare, nella giornata di apertura, saranno ospiti dell’evento le Segreterie nazionali dei Trasporti di CGIL, CISL, UIL e UGL e qualificate delegazioni delle associazioni datoriali AGENS, ANAV e ASSTRA.  

(Italia Oggi, 6 novembre 2018)

Nel 2014 si statuisce per decreto (n. 90, art. 20) il commissariamento del Formez avviandone, nei fatti, il ridimensionamento. Struttura di eccellenza per il supporto tecnico alle pubbliche amministrazioni centrali e locali, il Formez gestiva progetti per un ammontare di oltre 60 milioni di euro e un attivo di bilancio di circa 4 milioni, a fronte di un finanziamento pubblico di 20 milioni di euro all’anno. I suoi 320 dipendenti di ruolo e 150 precari - al 2014 - erano impegnati su oltre 40 progetti, molti dei quali finalizzati a migliorare, nelle pubbliche amministrazioni, la capacità d’intervento e di spesa dei fondi europei.

(Italia Oggi, 30 ottobre 2018) 

Il mercato dell’energia in Italia sta attraversando un momento delicato, che implica la necessità di modifiche sostanziali nelle modalità operative delle utility per rispondere ai nuovi bisogni dei consumatori e per creare un sistema competitivo trasparente, che avvantaggi lavoratori e utenti. Approfondiamo l’argomento con Alessandro Rossi, Vice Segretario Generale della CISAL FederEnergia, firmataria dei contratti collettivi nazionali dei settori elettrico e gas-acqua.

 

Dal pieno utilizzo dei fondi comunitari al riordino dei centri per l’impiego, la Fialp CISAL propone un progetto organico di valorizzazione del Formez

Roma, 11 ottobre 2018 – Movimento Consumatori e CISAL (Confederazione Italiana Sindacati Autonomi Lavoratori) hanno sottoscritto una prima manifestazione di intenti per iniziare un percorso di convergenza, con obiettivi comuni che siano di beneficio ai consumatori e ai lavoratori e per estendere i rispettivi servizi a tutti gli aderenti alle due organizzazioni.

Programma interessante in termini di investimenti, formazione, occupazione e previdenza. Nel Fisco si introduca il contrasto di interessi

(Italia Oggi, 25 settembre 2018)

Lo conferma la lettura dei dati riportati nei vari rapporti Svimez. Al Sud cresce la povertà, restano pochi e timidi i segnali economici confortanti, è confermata la fuga dei giovani laureati e non. E c’è il fondato timore che le prossime rilevazioni forniscano un quadro ancora più desolante, in mancanza di concrete iniziative. Tanto più che gli investimenti pubblici sono in considerevole flessione e quelli privati, pur mostrando una modesta dinamicità, restano comunque insufficienti se non inseriti in un piano organico di rilancio.

Dal decreto legislativo 29 del 1993 sono trascorsi 25 anni di continui rimaneggiamenti, interventi, integrazioni, modifiche, revisioni e quant’altro. Eravamo critici nel 93 e la lunga teoria di successivi interventi non ci ha fatto cambiare idea.

La Pubblica Amministrazione sembra essere il malato per definizione al cui capezzale si sono alternati tanti medici con tante ricette ma l’insistenza stessa delle varie prescrizioni ne attesta la poca efficacia delle pretese cure.

(Italia Oggi, 25 settembre 2018)

In attesa che il Governo formalizzi le ipotesi di riforma in tema di politiche fiscali, previdenziali e del lavoro con il Documento di Economia e Finanze e che il Parlamento le discuta e le approvi con la successiva Legge di Stabilità, il Segretario Generale della CISAL, Francesco Cavallaro, dedica una particolare attenzione alla preannunciata riforma del Fisco, richiamando una proposta sostenuta dalla Confederazione Autonoma fin dai lontano 2011, al tavolo istituito dall’allora Ministro Tremonti sulla cosiddetta “economia sommersa”

Pagina 1 di 22

Cerca