Notizie dal mondo

Sciopero trasporti, Cavallaro (CISAL): necessario agire sulle cause della protesta per tutelare lavoratori e utenti

  • dimensione font riduci dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font aumenta la dimensione del font
  • Stampa
  • Email
  • Ottieni il PDF dalla pagina webPDF

La CISAL sostiene la posizione della FAISA CISAL, che riconferma alla Commissione di Garanzia sullo Sciopero l’appropriatezza della disciplina esistente in materia e la necessità di affrontare il problema partendo dalle motivazioni dello sciopero.

Roma, 19 dicembre 2017 – “La disciplina sullo sciopero in Italia è già sufficientemente rigida da garantire l’equilibrio tra diritto di sciopero e diritto alla mobilità, mentre fin troppo spesso si dimentica di analizzare - e divulgare - le ragioni alla base dell’astensione dal lavoro. Ragioni tanto più rilevanti e meritevoli di attenzione quando si tratta di settori delicati come quelli dei servizi essenziali, in primis dei Trasporti”. E’ quanto dichiara Francesco Cavallaro, Segretario Generale della CISAL, a sostegno della posizione della FAISA CISAL sull’interlocuzione tra Aziende dei Trasporti e sindacati che la Commissione di Garanzia tenta di favorire per modificare la regolamentazione del settore.

“La FAISA CISAL, ha confermato Mauro Mongelli, Segretario Nazionale Vicario della Federazione, in occasione dell’audizione di lunedì scorso davanti alla Commissione, ha sottolineato la rigidità delle procedure già oggi previste per esercitare il diritto di sciopero, l’importanza di valutare le cause della protesta dei lavoratori, la mancanza di sanzioni nei confronti delle Aziende colpevoli di inerzia nella composizione dei conflitti”.


Cerca