Notizie dal mondo

- Poste Italiane, De Candiziis (FAILP CISAL): siglato il rinnovo del CCNL, dall’intesa incremento medio di 103 euro pro capite al mese

  • dimensione font riduci dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font aumenta la dimensione del font
  • Stampa
  • Email
  • Ottieni il PDF dalla pagina webPDF

 

Roma, 30 novembre 2017 – Nella mattinata di oggi 30 novembre, a seguito di un confronto serrato e dopo mesi di elevata tensione, Poste Italiane Spa e le organizzazioni sindacali hanno raggiunto l’intesa per il rinnovo del CCNL delle Società del Gruppo per il triennio 2016-2018.

             

Significative le modifiche dell’impianto normativo definite dall’accordo, che prevede incrementi economici e nuovi istituti di welfare aziendale per un aumento complessivo medio mensile di 103 euro pro capite (di cui 81,50 euro per aumenti salariali, 12,50 euro per Fondo Sanitario, 8 euro come Fondo Previdenza integrativa, 1 euro per maggiorazione clausola elastica prevista dall’art. 23 del vecchio CCNL). L’intesa prevede inoltre il pagamento di un una tantum di 1.000 euro per il 2016–17, che i dipendenti del Gruppo riceveranno con lo stipendio di gennaio 2018.

Il risultato raggiunto con la firma del nuovo CCNL conferma che il patrimonio di relazioni industriali in Poste Italiane è fortemente improntato ai temi della solidarietà, della difesa salariale e dell’occupazione. Valori che garantiscono, anche a fronte dei profondi cambiamenti socio-economici di oggi e delle difficoltà del settore postale, la difesa dei diritti dei lavoratori e una adeguata stabilità economica e normativa per gli operatori del settore.

 

E’ quanto dichiara Walter De Candiziis, Segretario Generale della FAILP-CISAL.

 

 


Cerca